March Story

mercoledì 29 aprile 2015
March Story è un manga degli autori coreani Kim Hyung Min(storia) e Yang Kyung Il(disegni). Yang Kyung Il già conosciuto in Italia, come disegnatore, per le opere Blade of the Phantom Master: Shin Angyo Onshi e Defence Devil.
In Giappone il Manga è stato edito dal 19 Dicembre 2008 dalla Shogakukan, che l'ha serializzato sulla rivista Sunday GX Comics, rilasciandone successivamente un volume all'anno, fino al 19 Aprile 2013.
In Italia, il manga è stato pubblicato dalla Planet Manga(a.k.a. Panini Comics) dal 17 Febbraio 2011 fino al 7 Novembre 2013.

L'ambientazione è palesemente ispirata all'Europa del XVIII secolo, con tuttavia diverse license narrative ed un accento decisamente gotico. Viene narrata la storia di March, giovane Ciste Vihad, ovvero cacciatore di creature demoniache chiamate Ill. Gli Ill non sono altro che entità sovrannaturali nate da sentimenti umani e che dimorano in oggetti rari e antichi. Un Ill è capace di manifestarsi solo nel caso in cui si trovi dinanzi ad un essere umano dominato da un sentimento tanto potente da risvegliarlo e che viene inevitabilmente attratto dall'oggetto nel quale esso si cela. L'Ill allora possiede l'individuo, conducendolo generalmente a commettere crimini atroci, per infine divorargli il cuore.
Il compito dei Ciste Vihad è, appunto, scovare queste creature e ucciderle, nel caso in cui esse si siano già impadronite di un corpo umano, o distruggere gli oggetti nei quali si nascondono. March non fa' eccezione, se non per l'anomala capacità di poter esorcizzare questa presenza da un corpo, nel caso in cui esso non si sia ancora macchiato del crimine di omicidio.
Assistiamo così allo svolgersi delle sue avventure, aiutata da vari personaggi quali Jake, una presunta indovina; Rodin, il proprietario di un negozio di antiquariato; e Velma, Ciste Vihad col terribile potere di causare allucinazioni nelle sue vittime.
Eppure non tutto è come sembra, perché dietro ogni Ill si cela la dolorosa storia della sua creazione e di ciò che l'ha spinto verso il corpo di cui è ospite.
E March?
Quale sarà la sua storia?

March Story è un manga difficile da raccontare. Una storia che parla di rimpianti, perdita, sofferenza, odio; ma anche di amore e speranza. Se vi è capitato di prendere tra le mani un volumetto di questo manga e, dopo aver dato una veloce occhiata alla copertina, pensare si trattasse di qualche stupidaggine gotica per ragazzini... vi siete assolutamente sbagliati.
In principio, la narrazione segue un ritmo sconnesso, attraverso una serie di episodi auto-conclusivi che hanno come filo conduttore la caccia agli Ill, ma aprendo di tanto in tanto qualche finestra sul passato della protagonista. Così veniamo a conoscenza del segreto più oscuro di March, di ciò che l'ha condotta a diventare un Ciste Vihad e dell'orrenda maledizione che grava sulle sue spalle.
La varie vicende che ci vengono presentate sono tutte animate da forti sentimenti, seppur diversissimi tra loro. Probabilmente si potrebbe pensare che alcune di esse siano state appositamente create per commuovere il lettore, ma a dispetto di quanto mi è accaduto in altre occasioni, stavolta non ho trovato la faccenda forzata né mi sono sentita infastidita. Anzi, posso affermare con sicurezza di aver apprezzato tantissimo ognuna di queste storie, alcune più di altre.
Anche i personaggi che fanno da comprimari a March sono stati tratteggiati con un certo spessore, contrariamente a quanto ho letto in una recensione che invece non li riteneva tali. Credo che gli autori abbiano fatto un lavoro egregio, se si tiene conto della complessità della storia e del fatto che essa viene spalmata in appena cinque volumi. Ognuno di questi individui cela un motivo profondo che l'ha portato ad addentrarsi in questo mondo di ombre ed in particolare Jake nasconde il passato più sorprendente, oltre ad essere a mio modestissimo parere il personaggio meglio riuscito di tutta la serie - e che io ho amato anche più della protagonista.

Il manga è un seinen, il che significa che in patria è stato pubblicato su una rivista indirizzata in linea di massima ad un pubblico maschile adulto. Detto ciò, io ritengo sia perfettamente fruibile da chiunque, anche se forse non lo consiglierei ai più giovani che magari potrebbero mancare di notare le delicate sfumature tratteggiate dall'autore all'interno della narrazione. Piccola nota di demerito, da imputare esclusivamente al target, è la presenza di alcune scene di fan-service, non troppe per fortuna, che in un paio di occasione appaiono buttate lì così, senza un motivo apparente. Ma tutto sommato è un particolare sul quale si può facilmente glissare.
Il disegno è semplicemente sublime: quasi perfetto nelle proporzioni, ricco di sfumature, di neri e grigi, chiaro anche nelle scene più sanguinose ed in quelle d'azione. La cura per i particolari è eccellente, una vera gioia per gli occhi, ed è probabilmente a questo che si deve la lunga dilazione della pubblicazione in Giappone, della quale sarei completamente felice se portasse sempre a simili risultati - peccato non sia così!
Le espressioni dei personaggi, rese con cura dall'autore, trasmettono perfettamente ogni loro stato d'animo al lettore. Ed a volte non si ha bisogno di molto altro, non di parole, di fronte ad un urlo sordo di dolore o ad un pianto di somma gioia.
March Story è un racconto per lettori maturi: cupo, cattivo, a tratti disperato. Capace di mostrarci probabilmente il lato peggiore della natura umana, i suoi desideri più puri come quelli perversi. Ed è appunto il desiderio ciò che spinge un'anima verso un'altra, ciò che ci fa' agitare e allo stesso tempo ci immobilizza: il desiderio di avere, il desiderio di amare e di essere amati, il desiderio di essere felici. Semplicemente, il desiderio di essere. Tuttavia, come la vita spesso ci insegna, nulla viene dato in maniera disinteressata e a volte il prezzo da pagare per quel che vogliamo è semplicemente troppo alto per poter essere saldato.
E March sarà disposta a pagare il prezzo che il suo più grande desiderio richiede?
Una lettura assolutamente consigliata, che vi catturerà fino all'ultima pagina e di più - non perdete la piccola illustrazione sul retro della copertina del quinto volume, vi troverete una piccola quanto gradita aggiunta al finale. Ma attenzione allo splatter!

Buona Lettura!

0 commenti:

Posta un commento