Dracula Untold

sabato 8 novembre 2014
Dracula Untold è un film del 2014 diretto da Gary Shore, con Luke Evans, Sarah Gadon, Charles Dance, Dominic Cooper, Samantha Barks. Secondo quanto dichiarato dalla casa di distribuzione, questo film segna l'avvio del reboot del franchise dei mostri della Universal Pictures - ricordiamo film famosi come Il gobbo di Notre Dame(1923) e Il fantasma dell'opera(1925) con Lon Chaney; Dracula(1931) con Bela Lugosi, La moglie di Frankenstein(1935) e Il gatto nero(1934) con Boris Karloff; più di recente rammentiamo la serie de  La Mummia diretta da Stephen Sommers e Van Helsing, ma anche The Wolfman con Benicio del Toro.

La storia narra delle origini di Dracula, in maniera molto diversa rispetto a quella a cui siamo abituati. L'Europa è sconvolta dall'avanzata dell'esercito ottomano, e in Transylvania molti bambini vengono fatti prigionieri e istruiti all'arte della guerra. Tra di loro vi è anche Vlad, conosciuto come l'impalatore, il quale, una volta cresciuto, per allontanarsi dalle atrocità commesse sui campi di battaglia, decide di far ritorno nella sua terra e tentare di proteggere il suo popolo dalla minaccia turca.
Circa dieci anni dopo, il principe Vlad è un uomo rispettato e ammirato dai suoi sudditi, amato dalla moglie e dal figlio. Un giorno, durante una ricognizione con i suoi uomini, viene ritrovato il cadavere di un soldato turco, la cui morte viene attribuita alla inquietante e pericolosa creatura che dimora sulla montagna. Un essere malvagio, che si nutre del sangue e della vita degli uomini e domina l'oscurità. Vlad gli sfugge solo per miracolo e il suo pensiero viene immediatamente accantonato da un fatto ben più grave: Maometto secondo ordina 1000 giovani da istruire per le sue fila di soldati. In un primo momento, Vlad tenta di trattare con l'amico d'infanzia, ma quando egli si spinge oltre, chiedendo addirittura che gli venga affidato il figlio, capisce di non avere scampo. Ma il desiderio di proteggere la sua famiglia ha la meglio su qualsiasi altra cosa, e Vlad si ritrova a disubbidire a Maometto, con conseguenze ben prevedibili. Tutto sembra perduto, poiché egli non possiede un esercito tanto potente da poter contrastare quello turco. Decide così di sacrificarsi, tramutandosi nel mostro che ogni uomo su questa terra avrebbe temuto...

Nel 2007, la Universal Pictures aveva ingaggiato il regista Alex Proyas per dirigere Dracula: Year Zero, le cui riprese si sarebbero svolte in Australia. Successivamente, la Universal interruppe le trattative con Proyas, ingaggiando Sam Worthington per il ruolo del protagonista (già visto in Avatar e Terminator Salvation).  Nel Febbraio 2012, mentre veniva annunciato il nome di Gary Shore come possibile regista, contemporaneamente la Universal chiuse il contratto con Worthington.
Ad Aprile 2013 Luke Evans fu scritturato come sostituto per il ruolo di Vlad l'impalatore, mentre nel Maggio dello stesso anno venne annunciato che il film sarebbe stato girato nell'Irlanda del Nord. Le riprese sono ufficialmente iniziate il 5 Agosto 2013.

Il primo trailer ufficiale è stato diffuso il 24 Giugno 2014, mentre l'uscita, programmata nelle sale statunitensi per il 17 Ottobre, venne anticipata al 10. In Italia i film è stato distribuito il 30 Ottobre 2014.

Il 2 Ottobre 2014, la producer Alissa Phillips, durante la premier in UK, ha dichiarato che ci sono buone possibilità che al film venga dato un sequel.

Incredibile, riesco a parlarvi di un film appena una settimana dopo averlo visto!
Sto proprio migliorando, non c'è che dire.
A dirla tutta, Dracula Untold mi ha scatenato sensazioni contrastanti. Da un lato, le cose che mi sono piaciute, mentre dall'altro, quelle che ho trovato irrimediabilmente trash.
Ma andiamo con ordine.
In primo luogo, c'è da dire che se siete dei puristi del mito di Dracula, questo non è assolutamente il film adatto a voi. Ci sono molti cambiamenti, anche sostanziali, che se a me non hanno disturbato più di tanto, mi rendo conto che più d'uno trovandoseli davanti potrebbe storcere il naso o peggio.
Al contrario del film del 1992 di Francis Ford Coppola, che aveva delle atmosfere decisamente sensuali e conturbanti, Dracula Untold punta a colpire maggiormente il pubblico del drama action, un po' epico. Il personaggio di Vlad viene trattato dagli sceneggiatori coi guanti di velluto, se mi passate l'espressione: al contrario di quella che è la realtà storica, qui l'impalatore viene dipinto come un uomo dall'animo nobile, amabile e pronto al sacrificio, non un sadico psicopatico. Non che non sia possibile che con le persone a lui vicine e care non potesse comportarsi in questo modo, ma i libri di storia, come ben sappiamo, lo dipingono molto diverso.
Ad ogni modo, il personaggio interpretato da Luke Evans è sicuramente molto affascinante - non so gli altri che lo hanno visto, ma io ho passato metà del film a sventolarmi! - e lui si è molto calato nella parte, rendendolo estremamente reale e passionale - non si nota che mi sono presa una leggerissima cotta per lui, vero?!
Tutti gli attori, comunque, si dimostrano molto bravi nella loro parte: da Dominic Cooper, che interpreta un malvagio, spietato e calcolatore Maometto II; per passare a Charles Dance, la cui creatura che vive nell'oscurità della montagna è l'unica nota un po' horror del film; per finire con Sarah Gadon, che impersona la giovane e innamorata moglie di Vlad - che oltre all'invidia selvaggia, ha scatenato anche il mio lato da indomita fangirl.
Tornando alle cose che non mi sono piaciute, devo dire che secondo me gli autori hanno un po' esagerato nelle doti sovrannaturali di Dracula dopo la trasformazione... insomma, sembrava quasi un supereroe - per certi aspetti mi ha persino ricordato un po' Thor! E poi, certe cose erano davvero troppo eccessive: tipo lui solo contro un esercito di mille uomini, e non sto a dirvi chi è che ha avuto la meglio. Dissacrante l'immagine di tutti quei corpi impalati come regalo al sultano.
Mi è piaciuto che abbiano lasciata inalterata la tradizione che vuole la trasformazione avvenga dopo aver bevuto a tua volta il sangue di vampiro, anche se è stata alquanto raccapricciante da guardare. Un po' così è invece la battaglia finale, anche se il sacrificio compiuto da Vlad è sicuramente ammirevole ed emozionante - fino alla fine, salvare il figlio resta la sua principale priorità -, la scena in sé mi ha lasciata un po' meh. Davvero troppo trash, scusatemi.
Poi c'è stato il finale.
Non potete neanche immaginare quanto mi sia piaciuto il finale!
Giuro, mi ha così presa che ho gridato a gran voce - e non per modo di dire - il mio bisogno di avere un sequel al più presto. Davvero romantico e intenso, con questo bel richiamo al Dracula di Bram Stoker, ma allo stesso tempo misterioso, pieno di suspance. Mi sono quasi strappata i capelli dal nervoso!
Insomma, è un film che consiglio?
Nì.
Tutto dipende dall'animo con cui l'affrontate: se andate al cinema come me, senza nessuna aspettativa, potreste anche rimanerne piacevolmente sorpresi (perché, effettivamente, alcune cose erano degne di nota); altrimenti, se cercate un capolavoro, di certo qui non lo troverete, anzi, rischiereste solo di subire una cocente delusione.

Buona Visione!

0 commenti:

Posta un commento