Dragon Trainer 2

giovedì 28 agosto 2014
Dragon Trainer 2 (How to train your Dragon 2) è un film di animazione del 2014 della DreamWorks Animation, è il sequel di Dragon Trainer.

Sono passati cinque anni da quando Hiccup e il suo fedele amico Sdentato hanno portato la pace tra i draghi e gli abitanti di Berk, diventando compagni di vita inseparabili gli uni per gli altri. Eppure, nonostante oramai la vita tra i vichinghi sia notevolmente migliorata, il desiderio di avventura di Hiccup non sembra essersi attenuato, ma è anzi divenuto tanto grande da spingerlo oltre i confini conosciuti alla scoperta di nuove terre, per nulla propenso a sottostare alle pressioni del padre che vorrebbe fare di lui un capo saggio e rispettato.
E' proprio durante una delle sue esplorazioni, però, che assieme ad Astrid viene attacato da dei cacciatori di draghi, i quali non solo li accusano di aver distrutto la loro casa, ma anche di ostacolarli nel procurare nuovi esemplari per l'esercito di un certo Drago Bludvist. Da qui inizierà la vera avventura di Hiccup, intenzionato ad evitare una guerra che potrebbe distruggere il suo villaggio e che lo porterà a importanti scoperte sul suo passato e, forse, sul suo futuro.

Il primo trailer del film fu lanciato dalla DreamWorks il 12 Luglio 2013, seguito a breve distanza (5 Agosto) dalla versione italiana. Proiettato in anteprima al Festival di Cannes 2014, il film è stato distribuito nelle sale nostrane il 16 Agosto.

Alla regia troviamo Dean Deblois, che aveva già diretto il primo film, stavolta senza il collega Chris Sanders, che rimane tuttavia come produttore. Deblois aveva all'epoca dichiarato che sarebbe tornato alla regia solo se la DreamWorks gli avesse permesso di realizzare una trilogia, ed è ad oggi confermata l'uscita del terzo capitolo nelle sale statunitensi il 17 Giugno 2016.

Anche per quel che riguarda le musiche troviamo una nostra vecchia conoscenza, John Powell, già autore delle musiche del primo film, le quali gli erano valse una nomination agli oscar.

Dragon Trainer 2 è il primo film della DreamWorks ad aver utilizzato lo "scalable multi-core processing" che consente per la prima volta agli artisti di lavorare a parti di immagini complesse in tempo reale, invece che aspettare otto ore per vedere i risultati il giorno dopo. Il film inoltre è anche il primo ad aver adoperato il suo nuovo software di animazione e di illuminazione, i programmi denominati Premo e Torch.

Curiosità: Il regista ha dichiarato che, al fine di incrementare la sua ispirazione, è tornato a rivedere i film della sua infanzia Star Wars: L'impero colpisce ancora e Il mio vicino Totoro.

Come al solito in ritardo, ma alla fine anch'io sono riuscita ad arrivare a parlarvi di Dragon Trainer 2.
Anche se, in realtà, stavolta ho dalla mia un paio giustificazioni.
La prima è il fatto che il film sono riuscita a vederlo solo una settimana dopo la sua uscita effettiva, e la seconda che alla fine ero talmente su di giri che ho dovuto attendere qualche giorno per essere in grado di scrivere qualcosa che avesse un senso compiuto. Quindi forse, forse, adesso riuscirò a parlarvene in maniera adeguata.
Inizio subito col dire che DT2 mi è piaciuto in maniera davvero oscena e non riesco neanche a concepire che qualcuno possa non averlo trovato di proprio gusto, perché, diciamocelo, è davvero un film che ha tutto: divertente, romantico, avventuroso, ma anche drammatico e misterioso. Una storia di buoni sentimenti, ma che non risparmia le tematiche importanti, con un antagonista veramente odioso e corrotto dal desiderio di potere.
Ho molto apprezzato lo sviluppo dei personaggi, sia dallo scorso film (vedere come certe dinamiche fossero cambiate nel corso del tempo, in alcuni punti mi ha fatto davvero scompisciare) che nel corso stesso della storia, anche se i cambiamenti maggiormente ricchi di rilevanza sono ovviamente quelli di Hiccup e Sdentato, ma anche gli altri hanno i loro momenti di gloria - per non spoilerarvi, posso solo dirvi che ho amato il personaggio di Testabruta, che era a dir poco geniale.
Oltretutto, in questo film veniamo a scoprire di più sul passato del protagonista e facciamo la conoscenza di un nuovo personaggio, il quale sconvolgerà un bel po' la situazione, ma decisamente in meglio. Con il padre di Hiccup, che aveva già nello scorso film compiuto enormi cambiamenti su sé stesso, assistiamo ad una evoluzione che gli conferirà uno spessore e una umanità che mi hanno davvero emozionato. Un padre che è disposto a tutto per proteggere la sua famiglia, un capo che, al momento opportuno, non si tira indietro dinanzi ad una battaglia per proteggere il suo popolo.
**LIEVI SPOILER**
Anche il personaggio della madre di Hic, Valka, il solitario e misterioso cavaliere dei draghi, è stato veramente ben tratteggiato. Ho trovato tutta la spiegazione riguardo al suo passato e a ciò che l'ha spinta a prendere la decisione di andarsene molto sensata, in linea con tutto il resto. E inoltre lei e Stoik erano veramente la dolcezza insieme, hanno scatenato il mio lato peggiore di fangirl.
**FINE SPOILER**
Spettacolare dal punto di vista visivo (da sottolineare il fatto che io non l'ho visto in 3D, perché non lo sopporto), super colorato, pieno di millemila nuove specie di draghi, alcune veramente titaniche a dir poco, e anche paesaggi da mozzare il fiato. Belle soprattutto alcune inquadrature che ha usato il regista. E un finale che ti lascia in tutto e per tutto soddisfatto, nonostante la tristezza per alcune cose accadute nel corso della storia.
Insomma, se non si è capito da tutto quello che ho scritto, ve lo dirò adesso chiaro e tondo: se non l'avete visto, andatelo subito a vedere!
Lo consiglio indiscriminatamente a tutti, perché credo sia molto difficile che possa non piacere - giusto se odiate i cartoni animati, insomma.

Buona Visione!